fbpx

Innovare è molto affascinante e sempre più persone investono anni di vita alla ricerca dell’idea innovativa che li faccia diventare ricchi sfondati.

L’innovazione è fondamentale, l’universo stesso si basa sull’evoluzione, dobbiamo però essere sempre consapevoli di due cose:

  • non sempre l’innovazione può fare passi da gigante, non dobbiamo passare tutti tutto il giorno ad inventare nuove tecnologie stupefacenti. Può essere altrettanto utile e remunerativo apportare piccoli miglioramenti a qualcosa di già esistente
  • cercare di diffondere il proprio prodotto/servizio innovativo, nonostante la bontà dell’idea, può essere troppo costoso in un contesto non ancora maturo. Prendi ad esempio le farine alternative nel settore alimentare, i primi produttori hanno avuto costi di pubblicità altissimi perché hanno dovuto educare il mercato, adesso trovi fusilli fatti di legumi in ogni supermercato.

Spesso aziende strutturate e con ingenti capitali non entrano con una particolare idea sul mercato perché non sarebbe conveniente, immagina per un piccolo imprenditore.

E anche se le cose vanno bene, l’idea è buona e l’imprenditore è il primo ma il suo prodotto o servizio è replicabile, cosa pensi che succeda?

In tempo zero i pezzi grossi si uniscono alla partita.

Se proprio non puoi farne a meno, valida bene la tua idea.

Non sto parlando di chiedere ai tuoi nonni e cugini cosa ne pensano e non sto parlando nemmeno di ricerca di mercato.

Un’idea su carta piace a molti ma quanto è valida lo scopri solo quando chiedi di tirare fuori la pecunia.

Crea un prodotto minimo validabile e prova a venderlo.

Detto ciò, non voglio fermarti se pensi di aver trovato una nicchia non presidiata e profittevole o se pensi che la tua invenzione potrà regalarci nuove meraviglie ma, se sei in paranoia per il fatto che non sai cosa inventare, ti do alcune dritte:

  • trova qualcosa già in vendita in un settore che conosci o che ti appassiona (e che sei disposto a studiare)
  • Miglioralo. Effettua variazioni o miglioramenti in termini di prodotto, di processo, di user experience, etc.. Mi sento di dirti però che non c’è solo il limite dettato dal plagio, c’è anche il limite legato al fatto che deve esserci del valore in quello che fai, devi giustificare il fatto che la gente venga da te e non da un tuo competitor, senza buttarla esclusivamente sulla guerra dei prezzi (e cambiare il font da Arial 10 ad un più affascinante Calibri 14 o aggiungere due belle foto come hanno fatto con il nostro programma non è sufficiente)
  • Nella tua offerta valuta anche di rivedere il target nella tua nicchia. Già il tuo comunicare in modo differente dai competitor può essere un punto di partenza. In un ambiente dove tutti fanno i seri tu cerca di essere più alla mano, se tutti stanno facendo le persone alla mano tu valuta un personal brand più serioso. Prova e vedi cosa funziona, non ascoltare troppa filosofia, l’unico modo è modellare la comunicazione e più in generale l’identità sulla base di quello che vedi che funziona per te, non clonare gli altri.

Partire da un prodotto o servizio già esistente farà si che ci sarà già una domanda e la vostra offerta verrà confrontata con quelle già esistenti, dovrete solo fare meglio degli altri.


Siate grati ai vostri competitor, saranno sempre lo stimolo che vi spingerà a fare meglio.

Pensa anche ad un’altra cosa, l’uomo è sempre alla ricerca di novità ma quando poi gli cambi un senso unico va in sbattimento, come mai?

Idem se il panettiere non ha il tuo pane preferito o il supermercato ha finito lo yogurt con i fermenti che mangi tutti i giorni.


L’uomo è abitudinario!

Pensa al nostro esempio.

Facciamo una cosa che fanno anche altri, eppure vendiamo.

Offriamo però qualcosa di diverso, ad esempio:

– il Coaching Professionale in risposta a tutto il fuffa coaching che gira,

– dei tutorial pratici passo passo e materiale già pronto all’uso (funnel, script, etc..) e non solo dissertazioni su quale sia il miglior software da usare,

– Coaching e Marketing sono alleati e sullo stesso piano di importanza e per questo abbiamo optato per il “Corporate Branding” e non per il “Personal Branding” di una sola figura

– e molto altre differenze

E tra i nostri clienti ci sono sia persone che erano già interessate al servizio prima che conoscessero noi, sia persone che avevano già acquistato da competitor.

Se capisci bene questa cosa capirai anche non sempre è la mossa giusta mettersi su Youtube ad urlare ai 4 venti quanto sei figo… perché più lo urli forte e fai vedere il mega successo del tuo business più attiri gli squali!

E il danno è ancora maggiore se quelle urla sono farlocche… e guarda che può succedere eh.. pochi clienti, urla a squarciagola dei millemilionidimiliardi che piovono dal cielo e ti troverai a dover dividere quei pochi clienti con il resto dei lupi famelici.

Semplice, no?

Prendi qualcosa che vende, miglioralo, distinguiti e vendilo con l’online marketing.

Le persone vogliono spendere e vogliono farlo comprando cose che già conoscono.

Se sei interessato a tematiche di consapevolezza, crescita personale e una possibilità concreta di iniziare subito a fare qualcosa di altissimo valore, sfruttando le immense potenzialità del business online, contattaci per una Sessione di Coaching Strategico GRATUITA, ne uscirai con un spirito totalmente diverso, avrai le idee chiare e saprai esattamente quali sono le azioni da intraprendere oggi stesso!

NB: ci dispiace ma a causa delle numerose richieste di collaborazione e per seguire al meglio ogni cliente le sessioni gratuite sono momentaneamente sospese, per ogni informazione contattaci al numero verde 800 822 578.

"Non aspettare. Non sarà mai il momento giusto."

(Napoleon Hill)

Categorie correlate: